A Milano per il corso intensivo di floral designer

 
IMG_20180318_090314ok.jpg
 

A marzo ho organizzato il corso intensivo di floral design in una location per me inedita “Le spezie gentili” in una Milano con le prime gemme sugli alberi ma anche cieli carichi di pioggia. Valeria, da padrona di casa, ci ha accolto e coccolate in due giornate intense tra fiori e colori.

IMG_20180317_085042ok.jpg
IMG_20180317_085124ok.jpg

Sabato ci siamo concentrate sulle tecniche basilari per l’esecuzione di un bouquet e per la creazione di una composizione in spugna. Per questa giornata di avvicinamento all’uso dei colori e dei loro abbinamenti ho proposto fiori dalle sfumature primaverili del rosa, dal radioso fucsia degli anemoni al rosa tenue delle rose O’Hara. A queste tonalità ho accostato il vinaccia di incredibili ranuncoli.

Untitled design (3).jpg
IMG_20180317_174626ok.jpg

Domenica abbiamo utilizzato colori ancora più primaverili. Per il bouquet il bordeaux era il colore principale con tulipani rolando nero, scabiosa bordeaux scuro, e  le note romantiche ottenute con le incredibili rose vintage “Garden”,  la clematis azzurra/viola e rami di pesco in fiore.

IMG_20180318_092017ok.jpg
Untitled design (4).jpg
IMG_20180318_113543ok.jpg

Per la creazione in spugna, ispirata alla dolcezza del clima primaverile ho proposto i colori pastello del rosa, dell’azzurro, del delicato giallo, e delle note vivaci dell’arancione e del rosso. L’arancione l’ho trovato nei narcisi e il rosso nelle fragole.

IMG_20180318_090013ok.jpg
Untitled design (5).jpg
IMG_20180318_135015ok.jpg

Per chi fosse interessato, ad ottobre ci sarà un altro corso base intensivo tra le dolci colline del Custoza a Verona.

IMG_20180318_141827.jpg
 
 

Dietro le scene dello shoot per un pic-nic country chic

 
@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

 

Pic-nic per festeggiare in modo alternativo un matrimonio,  un compleanno o un addio al nubilato.

Quest’idea mi frullava da tempo in testa e si è realizzata quando per la prima volta con Cristiana ho visto il Relais Corte Guastalla e ho conosciuto Orietta.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Nel giro di un paio di giorni Cristiana ed io abbiamo deciso di realizzare questo shoot  ispirazionale coinvolgendo: Orietta e suo marito, Manuela Piccoli e Marco Bravi. In questa prima parte i momenti della preparazione e domani il risultato finale.

Vi presento la squadra al completo:

Orietta e suo marito, che ci hanno ospitato durante lo shoot.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Manuela Piccoli, arredatrice d’interni con il suo stile Shabby Chic elegante e romantico, scova nei mercati d’antiquariato in Francia ed in Italia pezzi particolari ed unici. Con il suo gusto abbiamo “arredato” il parco con lanterne in ferro battuto, poltrone, cuscini, sedie da giardino vintage. Sempre lei ha pensato alla mise en place con piatti in porcellana bianchi con delicate decorazioni floreali, piccole alzate in peltro, bicchieri in cristallo, posate d’argento e vecchie tovaglie in cotone lavorato.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Marco Bravi e suo figlio Massimiliano riescono sempre con la macchina fotografica e sensibilità a cogliere l’atmosfera e i dettagli.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Cristiana wedding planner e regista della giornata.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Io ho pensato ovviamente ai fiori che ho creato in stile naturale e romantico con fiori dal sapore campestre accostati a lussureggianti peonie, delicati boccioli di lisianthus , ulivo, rosmarino e verde di stagione.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Un’ultima frase per descrivere il mood: fresco e frizzante, ma anche romantico ed elegante con un gusto retro, nelle tonalità pastello.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

MAX_6819.jpg
MAX_6922.jpg

Grazie a Gaia  per i segnaposti e il libro degli invitati!

 
 

DIRLO CON I FIORI - LA FRAGOLA

 
 

La fragola è una specie erbacea selvatica che appartiene alla famiglia delle rosacee. Il suo nome deriva dal latino fragrans, in omaggio ai suoi frutti profumati. Quest’umile piantina perenne cresce al limitare dei boschi e li copre di quei frutti deliziosi che appartengono a chiunque voglia raccoglierli. Prima di regalarci le sue dolci e odorose bacche, la fragola fiorisce da aprile a luglio in piccoli fiori bianchi a 4 o 6 petali.

Il frutto della fragola è apprezzato fin dall’Età della Pietra ma la pianta fu coltivata per la prima volta in Persia, per poi diffondersi in Europa: i suoi semi giunsero in occidente attraverso la Via della Seta. Nel Rinascimento, Luigi XIV, il re Sole, aveva una vera predilezione per le fragole, che fece coltivare nei giardini di Versailles.

La fragola possiede molte proprietà: nutritiva, astringente, diuretica e depurativa. I suoi frutti, in particolare, sono ricchi di calcio, ferro, fosforo e vitamina C.

A questa delicata piantina è attribuito il significato di pura bontà, probabilmente per il suo aroma delicato. Nel linguaggio dei fiori la fragola significa anche stima e amore: ricordiamo che il fazzoletto che Otello regalò a Desdemona era decorato con fragole ricamate.

Fragola BONTA’ ESEMPLARE

Senza alcun dubbio Dio poteva creare un frutto di bosco migliore della fragola, ma certamente non lo fece mai.
W. A. Butler