Festa d'amore tra le dolci colline di Custoza

 
smwd_1154.jpg
 
 

Ho conosciuto Sarah e Martin l’anno scorso quando hanno deciso di celebrare il loro matrimonio fra le colline di Custoza. Si erano letteralmente innamorati della meravigliosa residenza di campagna di fine ‘600, Relais Corte Guastalla, e lì hanno organizzato la loro festa. Per la cerimonia hanno scelto l’intima e bucolica  chiesetta di campagna di San Rocco.

smwd_148.jpg
wedding-photographer-italy-verona-2.jpg
smwd_214.jpg
wedding-photographer-italy-verona-8.jpg
wedding-photographer-italy-verona-12.jpg
wedding-photographer-italy-verona-14.jpg

La scenografia floreale era a metà tra lo stile romantico e lo stile country. 

smwd_220.jpg
smwd_224.jpg
Untitled design (5).jpg
smwd_331.jpg
wedding-photographer-italy-verona-30.jpg
smwd_476.jpg
smwd_641.jpg

La palette era nelle delicate tonalità del bianco, del verde, con un tocco di pesca.

Per la scelta dei fiori accanto alla romantica peonia bianca (fiore preferito da Sarah) ho aggiunto la spettinata matricaria, la campestre astrantia , i boccioli sfrangiati dei lisianthus e i verdi rustici con l’ulivo il rosmarino e l’edera.

smwd_700.jpg
smwd_703.jpg
smwd_701.jpg
Untitled design (7).jpg
Untitled design (6).jpg

Le foto di Mario Casati hanno colto appieno l’atmosfera intima, gioiosa e  romantica di questa festa.

smwd_1125.jpg
Untitled design (8).jpg
smwd_1228.jpg
Untitled design (9).jpg
Untitled design (10).jpg
wedding-photographer-italy-verona-52.jpg

Un ringraziamento speciale  a  Cristiana  di My Perfect day   e Orietta impeccabile padrona di casa.

 

Verona wedding back stage

 
 

Ciak si gira!

Lo scorso ottobre abbiamo girato un video e ammetto che mi sono molto divertita. Per me è stata la prima volta!

I protagonisti:

  • Cristiana wedding Planner, a cui spettava la regia ovviamente
  • Tiziana make-up artist ha truccato i modelli
  • io, floral designer, ho creato il bouquet della sposa
  • Guido il fotografo
  • Noemi  la video maker
  • Una 500 rosso arancio
  • Due giovani modelli
  • Verona verso il tramonto a Ponte pietra

Ecco una serie di immagini che immortalano la giornata nelle sue varie fasi

Make up della modella

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Ultimi ritocchi

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

La creazione del bouquet

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Verona: una passeggiata romantica a Ponte Pietra

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Il video completo lo troverete stasera alle 21.00 sulla sulla mia pagina Facebook e sul mio nuovo canale Vimeo

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Inoltre grazie a:

Tiana  Atelier Wedding dress

Fratelli Scandola Jewelry 

Arnold Abbigliamento Groom's suit

Gabriele Cerpelloni  FIAT 500

 
 

UN MATRIMONIO ORIGINALE: UN PIC-NIC COUNTRY CHIC

 
ABC_7727.jpg
 

Se volete un matrimonio originale e all’ultima moda, il wedding pic-nic è quello che fa per voi.

Immaginate una meravigliosa  residenza di campagna di fine ‘600,  il Relais Corte Guastalla,  circondata dai vigneti del Custoza a due passi dal lago di Garda e da Verona, città di Giulietta e Romeo e dell’amore eterno. Qui potrete ospitare le persone a voi più care per un weekend indimenticabile.

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Un esclusivo “wedding pic-nic" all’ombra di maestosi alberi, con bouquet di peonie, rose, lisianthus e tanti altri fiori frizzanti, tra porcellane, cristalli e argenti originali francesi.

@Marco Bravi

@Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

Un team di professionisti di alto livello realizzerà insieme a voi un matrimonio unico e indimenticabile in un’atmosfera magica all’interno di un  luogo  raffinato, per un “déjeuner sur l’herbe” da sogno.

ABC_7695.jpg

Un esempio di pacchetto “Wedding pic-nic” studiato per 25 persone comprende:

· 3 notti di pernottamento e prima colazione internazionale al Relais Corte Guastalla in camera doppia o tripla

· Location in esclusiva per 3 giorni al Relais Corte Guastalla

· Servizio fotografico del matrimonio realizzato: da Marco Bravi

· Floral design e allestimenti realizzati: da Tania Muser

· Wedding planner:  Cristiana Sarego di  My Perfect Day

· Mise en place realizzata: da Manuela Piccoli

· Food and beverage per il pic-nic

Creiamo e progettiamo pacchetti su misura in base alle vostre richieste. Contattateci!

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

@ Marco Bravi

 
 

4 abbinamenti con il rosa per la vostra tavola di Natale

 
 
2017-11-30 12.51ok.jpg
 

La settimana scorsa, con un cielo plumbeo, mi sono trovata con Manuela Piccoli ad immaginare e creare un angolo insolito per il Natale. Siamo andate nel suo magazzino ricolmo di oggetti antichi, una vera delizia per i miei occhi. E’ stato come aprire la porta e affacciarsi sul passato.

Su una piattaia di fine ‘800 ho creato un giardino invernale con rami di bacche di rosa, pino, tuya argentata, muschio, un magnifico elleboro e tante candele. Una poltrona in velluto verde oliva  e una in rosa, un lampadario a gocce, due lanterne bianche di ferro battuto hanno reso accogliente la serra d’inverno.

Untitled design (1).jpg
2017-11-30 13.22ok.jpg
P1260679ok.jpg

In un angolo accanto alle vetrate tra gli alberi di limoni messi al riparo per l’inverno, abbiamo decorato  il tavolo per il pranzo. La tovaglia bianca ricamata, le sedie di ferro battuto una diversa dall’altra, le morbide coperte di lana, i sottopiatti di Sheffield di metà ‘900, i piatti bianchi in porcellana, le posate francesi d'argento, i bicchieri decò in stile liberty di vetro verde con decorazioni in argento e le piccole coppe in ceramica anni ‘50 sono stati gli elementi per allestire una mise en place dal gusto retro e romantico.

20171130_121142ok.jpg
2017-11-30 13.26.09.jpg

Per i fiori ho voluto usare varie sfumature di rosa carico. Ho scelto questa tonalità  per due motivi: la sua versatilità e il suo significato. Il rosa infatti si associa alla dolcezza, al romanticismo, all’eleganza e alla gratitudine. Direi “perfetto” per questo periodo dell’anno. E’ sicuramente un colore insolito per il Natale ma penso che sia ideale per stupire i vostri ospiti.

2017-11-30 13.30.03.jpg
2017-11-30 13.31ok.jpg

I fiori che ho usato sono stati: ranuncoli, garofani, cymbidium fucsia e bacche di iperico rosa chiaro di edera e ligustro viola.

P1260733ok.jpg

Le combinazioni con il rosa sono molteplici eccone quattro per questo periodo:

rosa/viola: anemoni viola, giacinti lilla

rosa/rosso: rose rosso carico “Red Naomi”, oppure bacche di ilex rosso vivace

rosa/bordeaux: ranuncoli bordeaux, anemoni bordeaux, garofoni bordeaux, skimmia bordeaux

rosa/argento: bacche di brunia argento, bacche di eucalipto

e ovviamente tutti i verdi che la natura offre in inverno

E voi come pensate di allestire la tavola delle feste?

2017-11-30 12.36ok.jpg
 
 

Un fiore irrinunciabile per un matrimonio autunnale

 
PCG_0594.jpg
 
 

Dopo la pausa estiva riprendo il blog. Questo primo post è dedicato ad un matrimonio che proprio l’anno scorso in questo periodo ho realizzato, un matrimonio dal mood autunnale.

La coppia di sposi Paula, svedese e  Adam,  inglese, vivono a Londra e scelsero di festeggiare la loro unione in Valpolicella a fine settembre.

Per Paula i fiori erano uno degli elementi più importanti del suo matrimonio. Aveva le idee molto chiare sullo stile, sulle tonalità e sui fiori.

Untitled design.jpg

Apro una parentesi sullo stile a cui Paula si è ispirata, quello della floral designer inglese Constance Spry, una donna che negli anni 30 del secolo scorso è diventata un’ icona. Spry creò  le decorazioni per il matrimonio privato dei duchi di Windsor e per l’incoronazione della regina Elisabetta nel 1953. Una donna molto forte ed indipendente che ha voluto avvicinare più gente possibile alla bellezza dei fiori. A tutt’oggi il suo stile elegante e naturale è ancora molto in voga. Ha scritto numerosi libri sull’arte del floral design, una pioniera anche in questo (io sono riuscita a trovarne uno ed è veramente utile e senza tempo).

Ritornando al matrimonio di Paula, la palette scelta era composta da molteplici sfumature del bordeaux, del borgogna, del verde, e da una pennellata di crema e di tenue pesca per illuminare e fare da contrasto. Quando penso al suo moodboard mi viene in mente il cioccolato, per l’eleganza, per la levigatezza e consistenza.

Untitled design (2).jpg

I fiori, tra cui 2 irrinunciabili per il suo matrimonio autunnale, sono stati:

  • dahlia "dark chocolate", un fiore dal carico colore rosso-cioccolato;

  • dahlia "Cafè au lait", un fiore che amo particolarmente e che la sua sola presenza illumina qualsiasi composizione;

  • cosmos, ho già descritto in altri post questo fiore così delicato dal colore intenso, quasi nero con petali vellutati;

  • sedum e amni visgnaga, il primo carnoso ed il secondo delicato e trasparente come il pizzo;

  • bacche di viburnum nero e rosso, symphoricarpo rosa, iperico pesca, rami di piccole bacche verdi di rosa;

  • foglie di varietà sulle tonalità dei verdi con l’accostamento unico del cotinus il cui colore è il borgona viola.

E come buon augurio non potevano mancare su ciascun tavolo piccoli melograni ed uva nera.

PCG_0361.jpg
PCG_0348.jpg
PCG_0335.jpg

Paula ha scelto un abito dallo stile quasi monacale, in una tonalità oro e un bouquet a contrasto, grande, opulento e naturale. I rami di bacca di rosa, ed il cosmos hanno avuto un ruolo fondamentale nel design di questo bouquet per la leggerezza e l’aspetto naturale.

Untitled design (4).jpg
DSC_3152.jpg
2.jpg
PCG_1291.jpg
PCG_1553.jpg

E voi quale fiore scegliereste per un moodboard autunnale?

Ph: Dave Watts per tutte le fotografie del matrimonio

Alcune foto sono di Pinterest tra quelle scelte da Paula per il suo moodboard

 

 

 

FESTA D'ESTATE AL PROFUMO DI LAVANDA

 
 

Festa d’estate al profumo di lavanda: ecco cosa Claudia ed io abbiamo progettato per la serata di metà giugno nel suo negozio di abiti e accessori vintage. Sottosopra 33 è un angolo di Parigi a Verona. E’ un luogo molto ricco di colori, tessuti e oggetti. Per poter valorizzare appieno il negozio, ho deciso di usare un solo colore per tutte le decorazioni floreali. Così, pensando alla stagione, e al tema, ho scelto il lilla della lavanda, a cui ho aggiunto erbe aromatiche, mirto, more, roselline e peonie dal nome evocativo “Lemon Chiffon”. Quando ho visto queste peonie, me ne sono innamorata a prima vista e sapevo che sarebbero state perfette per la serata di Claudia. Non trovo  aggettivi adatti per descrivere il loro colore, per fortuna ci sono le foto…

“Una Domenica in campagna” il film di Bertrand Tavernier, ecco l’atmosfera che volevo ricreare per la vetrina dal gusto retrò. Claudia ha scelto il vestito perfetto, in tulle acquamarina chiarissimo con una delicata sciarpa in seta azzurra, io ho aggiunto una borsetta bianca con rose lilla, more e lavanda. Accanto una sedia francese da giardino fine ‘800 con piattini dai motivi floreali e piccoli bicchieri in vetro francesi con rose e acqua lilla… E per dare quel tocco di eleganza senza tempo, un vaso trasparente con peonie.

Nel negozio la lavanda, le rose e le peonie creavano la scenografia ideale, dove spille floreali, vestiti e accessori erano in perfetto equilibrio.

Con Claudia abbiamo deciso di proporre una dimostrazione floreale che si è svolta al piano di sotto. Qui ho portato virtualmente un angolo di giardino aromatico tra i muri in sasso e gli abiti vintage. Per la serata ho deciso di creare una ghirlanda aromatica. Trovo molto rilassante lavorare con le erbe aromatiche perché mentre le lavori godi dei loro aromi. Avevo a disposizione, salvia, mirto, rosmarino, lavanda, menta e melissa.

La serata poi è proseguita con assaggi di cucina coreana, vino e leggerezza di una notte di mezza estate…