I TULIPANI

 
 

Quando parlo o scrivo a proposito dei tulipani non so mai da dove incominciare. Di questi fiori mi affascina tutto: la loro provenienza, la loro storia, le leggende, il loro significato (in questo post lo potete scoprire), le innumerevoli qualità e colori.
Proviene dal vicino Oriente, la Turchia, dove è considerato il fiore nazionale. In Europa apparve nel XVI secolo a Vienna, portato dagli ambasciatori del Sacro romano impero e si diffuse poi nel resto d’Europa. In Olanda dal 1644 al 1647 scoppiò la tulipanomania. Durante questi anni i prezzi dei bulbi salirono alla stelle creando delle vere e proprie fortune ma anche gettando sul lastrico non poche fortune. Finalmente nel XIX intervenne lo stato per regolamentarne i prezzi rendendoli accessibili a tutti.
Il 16 gennaio è la giornata nazionale del tulipano in Olanda e, nella piazza principale di Amsterdam, Dam Square, viene creato un giardino temporaneo con più di 200.000 tulipani. Ogni anno almeno 10.000 visitatori vanno a Dam Square e ricevono un tulipano in omaggio.

Tra le infinite varietà di tulipani eccone alcune che io prediligo.
Tulipani francesi: la loro caratteristica è la lunghezza e flessuosità degli steli. Con il passare dei giorni è affascinante vedere come questi tulipani si muovono, si curvano. Un suggerimento:  date un’occhiata ai tulipani francesi all’ hotel Claridges di Londra.

Tulipani doppi: il bocciolo ha almeno 15 petali e quando si apre ricorda la peonia. Una varietà che mi piace tantissimo e ideale per le spose invernali è il tulipano fox trot dalle tenere sfumature di rosa e bianco.

Tulipani parrots: la caratteristica sono i petali irregolari che ricordano le piume dei papagalli.

Tulipani sfrangiati: i petali sono sfrangiati sulla sommità.

Nella vita dei tulipani è affascinante vedere la loro trasformazione nei giorni, come si modificano i colori, come si aprono, si piegano e crescono. È un mondo che trovo veramente stupendo, un vero dono della natura.
Per il mantenimento corretto dei tulipani nei vasi, occorrono al massimo 5 dita di acqua. Un’altra caratteristica di questo fiore è la sua continua crescita. All’interno di mazzi o composizioni questo fattore è da tenere presente perché dopo un paio di giorni avremo i tulipani che sovrastano gli altri fiori…

 
 

DIRLO CON I FIORI - IL TULIPANO

 
 

Le sue origini sono orientali: il tulipano viene dalla Turchia, paese in cui è amato al punto da definire Era del Tulipano il periodo storico di pace e fervore culturale che va dal 1718 al 1730. Il tulipano veniva utilizzato in quantità enormi per adornare le regge e i palazzi dei sultani, e prende il nome dal copricapo indossato dagli uomini turchi, il turbante, il tullband.

Il tulipano era ed è il simbolo dell’amore: ancora oggi esercita su di noi un fascino magnetico, probabilmente per la sua forma semplice, a coppa, e i pochi petali, definisce un disegno essenziale e la sua posizione raccolta trasmette l’importanza dell’intimità.  Non a caso molti film trovano il suo nome nel titolo, come Pane e Tulipani, di Soldini, splendida storia d’amore che racconta intense emozioni e un grande sentimento con estrema semplicità.

Noi vi proponiamo alcune delle splendide varietà di tulipano: dai più semplici a quelli con i petali ondulati, dalle tonalità più calde a quelle più intense come nel caso del tulipano nero, con i suoi petali di un bordeaux intenso, vellutati al tocco.

Tulipano DICHIARAZIONE D’AMORE

Sulle rive del Bosforo, il tulipano è l’emblema dell’incostanza ma anche della passione più violenta. Tanto che la natura fa in modo che cresca nei giardini di Bisanzio, e racconta, alla bellezza prigioniera, che un amante sospira per lei, e che la sola vista gli manderebbe il viso in fiamme e il cuore in brace.