Un viaggio ispirazionale nel mondo del floral design

 
 

A luglio mi sono ritagliata un paio di giorni per andare nel Nord dell’Inghilterra a conoscere Fiona, titolare di Firenza Floral Design (una dei 20 top floral designer selezionati dal quotidiano inglese The Telegraph). E’ da tempo che seguo il suo lavoro e trovo il suo stile molto interessante. Siamo riuscite, tra i nostri vari impegni, a trovare una giornata libera per incontrarci.

Fiona  e i suoi adorabili cani mi hanno accolto nella loro dimora, una storica casa di campagna  nella splendida regione dello  Yorkshire. Sedute nel romantico giardino ci siamo confrontate sugli stili e sulle fonti di ispirazione. Per entrambe la natura è la base del nostro lavoro.

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph Belle and Beau

Ph Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Non sono mancati i fiori per creare  unici bouquet e composizioni in vaso.  Per me è stato molto interessante poter usare una tecnica diversa.

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Con gli stessi fiori ciascuna di noi ha realizzato il proprio bouquet, uno diverso dall’altro.

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and beau

Ph @Belle and beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

Proseguendo nella giornata ho anche incontrato Holly una fotografa che ha scattato queste poetiche foto.

E voi cosa fate quando avete bisogno di trovare l’ispirazione?

Ph @Belle and Beau

Ph @Belle and Beau

 
 

Shoot tra le rovina di un castello medioevale

 
Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

 

Sul finire dell’inverno e l’inizio della primavera, sono stata coinvolta nella creazione delle decorazioni floreali per uno shoot dal sapore medievale tra le mura del castello di Arco.

Come sempre il processo creativo parte per me dalla scelta del colore. La tonalità principale che ho deciso di utilizzare per questo evento è stato il bordeaux. Un colore che considero elegante, versatile, raffinato e che dona una nota intensa in una qualsiasi creazione. 

Untitled design (12).jpg

Per il bouquet da sposa ho scelto di abbinare al bordeaux diverse tonalità di rosa in modo da esaltare lo stile romantico del vestito.

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Ho voluto creare un lussureggiante bouquet dove le consistenze e le forme diverse di petali e fiori  donassero  un stile morbido e raffinato.

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Per la decorazione della tavola  ho individuato fiori dalle diverse sfumature di bordeaux vinaccia: incredibili ranuncoli, ipnotici anemoni e raffinati tulipani. A questi ho aggiunto un tocco di pesca per illuminare il tutto. Candelabri antichi e piccoli vasetti con candele hanno reso magica la serata.

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

Photo @Valentina Fraccaroli

 

Ringrazio tutte le persone con cui  ho collaborato a questo progetto:

Foto / Valentina Fraccaroli
Video / Forever Film di Paolo Brentegani
Drone / Andrea Bianco
Stationery / Bee in Love – Wedding Design di Elisa Tedesco
Mua & Hair / L’officina del MakeUp di Claudia Jclo Make Up
Wedding Cake / Cremerie
Dress / Marianna Michelon
Suit / Baratto Lavis
Shoes / Anniel
Rings / MIOeTUO
Venue / Ai Conti – Break, fast & slow
Patrocinio / Wedding in Arco
Bride / Caterina Brazzoli
Groom / Fabio Porta

 
 

6 tappe del Fuorisalone con i fiori

 
IMG_20180418_133102ok - Copia.jpg
 

Come ogni anno, ad aprile, Milano ospita la settimana del design e  tutti gli eventi del Fuorisalone.

Per me è diventato un appuntamento imperdibile. Due aspetti mi hanno colpito di questa edizione: i fiori e il dialogo fra antico e moderno.

Incomincio con il marchio danese  Hay (di cui vi avevo parlato nel post a Copenaghen) ospitato a Palazzo Clerici. Lo stile nordico  è stato perfettamente inserito nelle magnifiche sale neoclassiche decorate con marmi e stucchi dorati. Un perfetto equilibrio dove i fiori hanno dato quel tocco di accoglienza.

IMG_20180418_094158ok.jpg
IMG_20180418_094714ok.jpg

Proseguo con Palazzo Litta (origini barocche) nel cui cortile quest’anno è stata ospitata l’installazione  dello studio londinese di Asif Khan” Tempietto nel bosco”.

IMG_20180418_114242.jpg

In corso Magenta,  da Raw,  sono stata rapita dalle stoffe floreali nate dalla nuova collaborazione fra il marchio americano John Derian e il marchio inglese Designer Guild e presentate tra i fiori del laboratorio floreale Flo.

IMG_20180418_121420ok.jpg
IMG_20180418_122718ok.jpg
Untitled design.jpg

In piazza Duomo fermata da Tiffany che per questo evento ha chiesto la collaborazione di 5 artiste per interpretare le serre in argento per ciascuna delle cinque vetrine. E all’interno del negozio, fiori ovunque, nelle serre, appesi …

IMG_20180418_133044.jpg
Untitled design (1).jpg

Il cortile di palazzo Serbelloni ha ospitato l'installazione Swarovski  e il piano nobile ha aperto i suoi saloni al marchio danese Gubi per la presentazione della  collezione “Tra vecchio e nuovo”.

Entrando nel “Palazzo Swarovski” si viene avvolti da una miriade di riflessi e giochi di luce.

IMG_20180418_150725ok - Copia.jpg
IMG_20180418_151230.jpg

Salendo al piano superiore sono stata affascinata dagli allestimenti floreali creati da Christian Tortu per Gubi. La scelta dei fiori, dei colori, e degli accostamenti, insoliti con elementi naturali presi dal mondo vegetale era perfettamente studiata per gli incredibili saloni e arredi .

IMG_20180418_152500.jpg
IMG_20180418_152715ok.jpg
IMG_20180418_153019ok.jpg
Untitled design (2).jpg

E infine il Palazzo Bocconi ha accolto l’installazione di Louis Vitton per la presentazione della nuova collezione "Objet nomades". Nel cortile è stata installata la Hexacube House “casa bolla” progettata nel 1970 dal designer greco George Candilis. Al piano nobile una cascata di 10.000 fiori di carta accoglieva noi visitatori.

IMG_20180418_163148ok.jpg
IMG_20180418_161741.jpg
4.jpg
IMG_20180418_163347.jpg

Voi siete riusciti a fare un salto? Cosa vi ha lasciato a bocca aperta?

 
 

Verona wedding back stage

 
 

Ciak si gira!

Lo scorso ottobre abbiamo girato un video e ammetto che mi sono molto divertita. Per me è stata la prima volta!

I protagonisti:

  • Cristiana wedding Planner, a cui spettava la regia ovviamente
  • Tiziana make-up artist ha truccato i modelli
  • io, floral designer, ho creato il bouquet della sposa
  • Guido il fotografo
  • Noemi  la video maker
  • Una 500 rosso arancio
  • Due giovani modelli
  • Verona verso il tramonto a Ponte pietra

Ecco una serie di immagini che immortalano la giornata nelle sue varie fasi

Make up della modella

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Ultimi ritocchi

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

La creazione del bouquet

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Verona: una passeggiata romantica a Ponte Pietra

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Il video completo lo troverete stasera alle 21.00 sulla sulla mia pagina Facebook e sul mio nuovo canale Vimeo

@ Guido Pera

@ Guido Pera

Inoltre grazie a:

Tiana  Atelier Wedding dress

Fratelli Scandola Jewelry 

Arnold Abbigliamento Groom's suit

Gabriele Cerpelloni  FIAT 500

 
 

atmosfera romantica per uno shoot in Valpolicella

 
 
 

Una giornata immersa nella luce delicata e dorata di fine settembre, è stata la cornice perfetta per questo shoot. Due parole sui colori e fiori e molto spazio alle splendide immagini di Sotiris che ne ha saputo cogliere la magia e bellezza.

Colori: il primo passaggio fondamentale nell’ideare le decorazioni floreali, è la scelta del colore. Ho individuato due colori principali: il rosa ed il verde nelle diverse sfumature; a cui ho aggiunto una pennellata di bordeaux e blu/viola per donare intensità e contrasto alle decorazioni.

Fiori: la consistenza dei petali e la forma dei boccioli hanno un ruolo molto importante. È come per le stoffe: ci sono diverse pesantezze, trame e materiali. Cerco sempre di creare abbinamenti insoliti. Qui alla leggerezza dei petali di lisianthus ho contrapposto la consistenza materica della bacche di viburnum blu/viola. L’effetto della seta, l’ho ottenuto con le rose, mentre le trasparenze del pizzo con l’amni visnaga. Infine un cenno al cosmos (fiore stagionale che si trova tra fine settembre e metà ottobre), fiore dalla corolla che sembra disegnata da un bambino, con petali dall’intenso color bordeaux vellutato, che sul lungo ed esile stelo dona leggerezza ed eleganza in qualsiasi contesto.

Un ringraziamento a tutto il team che ha reso possibile questo servizio fotografico anche pubblicato su varie riviste di settore:

Style me pretty: Debonhair Vineyard Garden wedding in Verona

Adorn Magazine: Italian garden wedding at Hotel Villa Giona

Dear Gray Magazine- Verona wedding morning

Wedding Planner: Alessandra Benedett

Makeup: Michela Dalla Brea 

Hair: AN-J

Wedding Dress: Mara Rossi, Tiffany Atelier Sposa, Villafranca (Verona) 

Jewelery: Skusa 

Venue: Hotel Villa Giona

 

SHOOTING FOTOGRAFICO IN GIARDINO

 
 

Quest’estate ho deciso di realizzare uno shooting fotografico in giardino. L’idea mi è venuta sfogliando il libro “At the emperor’s table” di Valentino.

Ho visto il libro in una rivista di design, me ne sono innamorata e non ho potuto non comprarlo.

La casa editrice Assouline è americana ed il libro è venduto in Italia, solo a Venezia e a Milano. Andare a Venezia non sarebbe stata una cattiva idea, anzi, è una città che adoro. Ma ho deciso di andare a Milano alla libreria Rizzoli in Galleria Vittorio Emanuele II, incuriosita dalla recente ristrutturazione. Bellissime le luci e l’atmosfera.

Adoro usare oggetti vintage e, curiosando qua e là, sono riuscita a trovare dei pezzi per allestire una tavola per una colazione romantica sotto l’ulivo.  Mi piace la luce mattutina che filtra attraverso la chioma.

Ho trovato una tovaglia con un motivo floreale. Pensando agli abbinamenti, ho scelto l’azzurro per gli oggetti e le tonalità tenui per i fiori.  L’azzurro è il colore dominante e i fiori fanno da sfondo a questa mise en place. Per me eleganza è equilibrio, tutto deve essere in armonia.

Come dice Valentino, nel suo libro “At the emperor’s table”, i fiori donano sempre vita e comfort.

In un’intervista per il lancio di questo libro, Valentino ha affermato che il suo approccio per la preparazione di una tavola è uguale al suo modo di pensare le creazioni: strati, colori, fiori. Nel corso degli anni ha raccolto una collezione di oggetti per la tavola incredibile.

Ecco a voi il risultato di questa mattinata in giardino. Potrebbe essere una tavola romantica per la colazione del giorno dopo il matrimonio?